Canalizzazione e Medianità

CHANNELING

E’ un termine inglese che significa letteralmente canalizzare, incanalare, ricevere informazioni da coscienze/entità superiori.

MEDIUM


 

 

 

 

Il termine Medium nasce dal fenomeno dello spiritismo che si sviluppò intorno agli anni cinquanta del secolo scorso per poi diffondersi in più settori. Il Medium viene comunemente definito come colui che è in grado di contattare le anime di persone decedute sia per via orale che per via scritta

Channeling

Chi canalizza non cade in trance e non perde coscienza, non lascia lo spazio sacro del proprio corpo fisico a qualsivoglia energia/entità, non è pertanto posseduto, ma resta consapevole in uno stato di rilassamento profondo, mentre riceve informazioni che provengono da una dimensione al di là di spazio e tempo.

Il processo di decodifica dell’energia trasmessa attuato dal channeler (ndr colui che canalizza) si basa sulla decodifica delle vibrazioni secondo come egli le percepisce (tramite gli extrasenso come chiaroudienza, chiaropercezione, ecc.). Tutto l’universo è energia prima di essere materia: corpo fisico, corpo sottile, esperienza, fatto. Il corpo fisico per esempio vibra ad un livello diverso quindi è più denso rispetto ad un pensiero, ma si tratta sempre di energia. A man a mano che ci si sposta verso i corpi sottili esterni al corpo fisico, la stessa energia aumenta progressivamente dall’interno verso l’esterno. Quando una Coscienza di altre dimensioni vuole comunicare con noi, invia dei fasci di energia che contengono e trasportano codici di informazioni che sono recepiti dai nostri corpi sottili ed entrano nel nostro cervello, venendo decodificati  in linguaggio comprensibile.

Il presupposto per accedere a questa esperienza è il risveglio e l’apertura della coscienza individuale verso quella cosmica che contiene tutte le informazioni sulla realtà ultima dell’Uomo e dell’Universo. Nelle dimensioni più alte siamo tutti un solo essere: non c’è distinzione tra noi e le nostre Guide e tra noi e gli altri. La divisione è frutto dell’illusione della nostra mente. Il Sé ha la stessa energia e potenzialità in ogni uomo ed è il punto di comunicazione tra noi e l’Universo.

Qual è lo scopo del Channeling in questo momento?

È quello di renderci consapevoli dell’esistenza di altre dimensioni, del nostro Sé transpersonale ed anche del fatto che l’essere umano è un essere multidimensionale. Ciò significa che viviamo contemporaneamente in più dimensioni e solo una parte di noi è incarnata in questa terza dimensione che è quella terrena, caratterizzata da spazio, tempo, materia.

Il channeling è un fenomeno transitorio, legato a questo particolare momento, e durerà fino a che ognuno sarà in grado di aprire direttamente questo canale con il proprio Sé e l’Universo. Questa apertura può avvenire in diversi modi a seconda della natura di ognuno, ma presuppone sempre una trasformazione e comprensione dell’intera personalità e del nostro rapporto con la realtà.

Ognuno può diventare un “canale”, basta che ci creda, si rilassi e provi a fare esercizio. Tutti possiamo avere accesso a forme di conoscenza superiore, purché riusciamo ad abbandonare le nostre resistenze e ad aprirci alla Verità.

Spesso le guide più evolute sono piuttosto vaghe circa la loro origine, perché affermano di ritenere che questo tipo di notizie possa solo distrarci dalla trasformazione spirituale,  che deve essere il nostro primo impegno.